Sei in: Home Catalogo
Info: Il tuo browser non accetta i cookie. Se vuoi utilizzare il carrello e fare acquisti devi abilitare i cookie.

Piero Marras

Venerdi' 16 settembre 1949 nasce Piero "Marras" Salis.
Sassarese di origini, nuorese di nascita e cagliaritano d'adozione.
Cosi' inizia una realta' Sarda che dal '66 fino ai giorni d'oggi continua a farci volare tra i sapori, gli odori e i rumori di questa nostra Sardegna.





....da una lettera a Piero di Gianluigi Cabizza:

......alcuni dei Suoi pezzi mi piacciono a tal punto che vorrei, in quei momenti avere soltanto io orecchie per sentire quella melodia, quelle parole dense di significato e di passione. Spesso, almeno ogni giorno, mi rinchiudo nel mio mondo, nel mio angolino vicino ai cd e con le cuffie penso ad un luogo che mi sembra descriva nei suoi pezzi, a quella persona, uomo donna, padre madre che danno vita ed animano o ispirano le sue canzoni.

.....quando ascolto un Suo pezzo, mi vengono i brividi, scorgo qua e la parole
dense di significato, e immagino un mondo che mi rendo conto npn conoscere quanto vorrei.

ROSALBA SATTA CERIALE

Nell’ultimo lavoro del cantautore Piero Marras "Fuori Campo", musica e parole si sposano, ed anche l’ orecchio più distratto e meno allenato musicalmente comprende subito che si tratta di un sodalizio perfetto. Musica di qualità e testi poetici , dunque. C’è da stupirsi? Ebbene si! Dopo il suo precedente "Tumbu" –dove, alla magia di "Bae luna" si alternava, fra l’altro, la dolcezza di "Sa boche ’e Maria" e il malinconico ricordo di "Armidda" , fino alla forte e rabbiosa "Istrales"- noi , entusiastici e sinceri ammiratori del cantautore sardo, pensavamo che il meglio fosse stato già raggiunto, che oltre non si potesse andare. Quelle di "Tumbu" erano – e sono – pennellate d’ artista : giochi sapienti di note, flash riusciti di ombre e luci che risvegliano passioni, colori, profumi, odori intensi della nostra terra, dove il canto del vento "a l’iscurtare est una oghe interis", dove il sole dipinge nel cielo "succutos de luche" e dove emerge, forte, il desiderio di ricevere -noi, figli di una terra forte ma restia agli abbracci – "bazos in sos chizos". E adesso , dopo "Tumbu", in un crescendo che sa di continua revisione e maturazione… "Fuori campo". Due sole canzoni inedite, "Notte lituana" e "Si Deus cheret"- da brivido!- e poi nove tuffi nel passato musicale di Marras in un ripescaggio cha sa purtroppo (…o per fortuna?) di inedito per chi scrive, forse perché distratta o presa, ieri , da altri ritmi, altri suoni, altri volti. Distrazione imperdonabile, tanta e tale da domandarmi stupita dove fossi quando cantava "Diglielo tu Maria", "Il figlio del re", "Panni da lavare", "Rime ladre", "Chissà se fuori", "Plancton".Le sviolinate non sono il mio forte e detesto la piaggeria. In sintesi, non sono un’ adulatrice. Però è evidente che nel panorama musicale attuale, dove più spesso di quanto si pensi il successo dipende da fattori che poco o niente hanno a che fare con la capacità vocale, con la bontà dei testi e della musica, Piero Marras si distacca ed emerge – caso strano e per noi fortunato! – dal limbo del nulla e del chiasso martellante, per riproporre a gran voce, nel pentagramma della musica e della vita, creatività, calore e colore. Perciò l’abbraccio sincero all’ ultimo suo parto musicale, non nasce dalla simpatia e stima verso l’ amico ,ma dalla consapevolezza che bagnarsi e abbeverarsi , all’ occorrenza , nelle fonti limpide e cristalline dell’ arte vera, rende più forti e puri. Crea una corrente sinergica. Ci rende capaci di vedere oltre il limite del visibile.

Grazie per le ali Piero! Volare è stupendo!

(da "L’Ortobene")

 
Ordina per:

  • «« Inizio
  • « Prec
  • 1
  • Succ »
  • Fine »»
Risultati 1 - 3 di 3

Testi Canzoni

TESTI CANZONI

Schede Artisti

Info: Il tuo browser non accetta i cookie. Se vuoi utilizzare il carrello e fare acquisti devi abilitare i cookie.